Recensione Il gioco del Suggeritore – Donato Carrisi

#consiglidilettura

Siete indecisi su quale libro thriller mettere sotto l’albero di Natale quest’anno?

Ecco a voi la recensione dell’ultimo libro di Donato Carrisi, Il gioco del Suggeritore, Longanesi.

Il quarto capitolo della serie che ha per protagonista Mila Vasquez, un’ex agente di polizia che lavorava nel Limbo, la sezione del dipartimento dove si cercano le persone scomparse.

Mila si trova nella quiete della sua nuova vita, assieme a sua figlia in una casa sul lago, lontano dai serial killer e dalle indagini che le hanno segnato inesorabilmente l’esistenza.

Ha lasciato il Limbo e con lui anche la parete delle persone scomparse, che la fissavano dalle fotografie, scattate presumibilmente in uno degli ultimi momenti felici prima che scomparissero nel nulla.

Ma una sera qualcuno bussa alla sua porta, e la tranquillità costruita come un castello di carta, viene spazzata via.

Un omicidio efferato in una casa di campagna, una famiglia intera divorata da un mostro che li fissava dalla finestra, come ha raccontato spaventata una delle vittime nella telefonata alla polizia prima della strage.

Sangue ovunque, anche nella stanza delle gemelle.

Ma c’è un’anomalia, e Mila le anomalie le conosce fin troppo bene.

Non si trovano i cadaveri.

Il nome di Mila viene rinvenuto sul corpo dell’unico indagato, ma lei non lo conosce. Un’uomo criptico, che non proferisce parola, ma che regalerà solo coordinate per iniziare il gioco delle indagini.

Dopo averlo incontrato alla Vasquez  viene sottratta la cosa a cui tiene di più, e non potrà più esimersi dal ritornare nel buio per risolvere l’enigma.

Una storia avvincente, che tocca il tema della pericolosità della tecnologia e di come veniamo spinti sempre di più a creare delle identità fasulle online.

E ditemi, voi cosa sareste capaci di fare, se aveste la possibilità di fare tutto quello che desiderate, rimanendo impuniti?

Nessuno si salva da un Suggeritore, mai.

La scrittura di Carrisi tiene il lettore incollato al libro, non delude e fa sentire il cuore in gola fino all’ultima pagina.

Cosa ne pensi del nostro articolo? faccelo sapere, per noi è importante!