Walter Siti – Resistere non serve a niente

Oggi sono io a porvi una domanda:  chi ha letto questo libro, lo ha apprezzato?

Sono solita concedermi ogni anno la lettura di almeno il vincitore (ma solitamente allargo anche ai finalisti) dei premi letterari Strega, Campiello e Bancarella.

Walter Siti con Resistere non serve a niente (Rizzoli, 2012), vinse il premio Strega nel 2013.

Un libro denuncia, un testo scorrevole ma che pretende del tempo per essere assimilato.

Si parla di Tommaso, matematico con un passato di problemi alimentari che diventa un genio della finanza.

Un background familiare povero, che oltrerpassa i limiti della criminalità.

Tommaso da adulto, diventato oramai ricco, ha dei seri problemi a relazionarsi, e ad affezionarsi alle donne, probabilmente frutto di Edipo mai risolto.

Ma si emoziona, si eccita, con lo scalare del suo fondo d’investimento. E con la stessa facilità, entra nel mondo in bilico tra alta finanza e quello dei soldi sporchi.

Consigliato a persone che riescono a vedere con spirito critico la ricchezza, e che vogliono scoprire le parti “umane” di un mondo che sembra nascosto ai comuni mortali.

Cosa ne pensi del nostro articolo? faccelo sapere, per noi è importante!